Alopecia femminile

Cause dell’alopecia femminile

L’alopecia androgenetica non colpisce solo gli uomini, ma affligge circa il 50% delle donne. Le cause possono essere molteplici: ormoni, pubertà, diete dimagranti, gravidanza, stress, allattamento e carenza di ferro.

Modalità di esordio

Nelle donne, l’alopecia androgenetica può manifestarsi in tre modalità principali:

  1. Post-menopausa: Con la riduzione degli estrogeni e l’aumento degli ormoni maschili.
  2. Durante la pubertà: Spesso precipitata da diete dimagranti.
  3. Post-gravidanza: Spesso aggravata dallo stress e dalla carenza di ferro durante l’allattamento.

Manifestazioni cliniche

La calvizie femminile si manifesta con un progressivo diradamento dei capelli, in particolare nella regione centrale della testa. I capelli appaiono diradati soprattutto in corrispondenza della scriminatura centrale, rendendo visibile il cuoio capelluto. Nelle donne giovani, il diradamento può essere evidente anche sulla fronte.

Segni clinici specifici

Un segno iniziale della malattia è il cosiddetto “segno dell’albero di Natale”: una discriminatura centrale con un’area di diradamento a forma di albero di Natale. Nelle donne in menopausa è frequente osservare anche una stempiatura, simile a quella degli uomini.

Osservazioni al microscopio

Ad alto ingrandimento, il cuoio capelluto di una donna affetta da calvizie mostra piccole zone prive di capelli, corrispondenti ai follicoli temporaneamente vuoti. Normalmente, il follicolo produce un nuovo capello prima che il vecchio cada, ma nella calvizie, la produzione è ritardata, lasciando il follicolo vuoto per settimane o mesi.

Ormoni e alopecia

Anche le donne producono ormoni maschili, ma l’alopecia androgenetica femminile non indica necessariamente un eccesso di ormoni. Può essere causata da una sensibilità eccessiva dei capelli a livelli normali di androgeni. La normalità degli esami ormonali non esclude la diagnosi di alopecia androgenetica, dato che il 50% delle donne affette ha esami ormonali normali.

Valutazione della gravità

La gravità della calvizie femminile viene valutata con la scala di Ludwig, che divide la calvizie in tre gradi: lieve, moderato e grave.

Trattamenti medici

Antiandrogeni

Il trattamento mira a impedire agli ormoni androgeni di influenzare il follicolo e a stimolare la produzione di capelli più grossi e lunghi. I farmaci antiandrogeni includono:

  • Ciproterone acetato: Presente nella pillola anticoncezionale Diane.
  • Flutamide
  • Spironolattone
  • Finasteride: Efficace a un dosaggio di 2,5 mg per trattare l’alopecia femminile. Deve essere associato a terapia anticoncezionale.

Pillola anticoncezionale

La pillola riduce la produzione di androgeni da parte dell’ovaio, ma è importante scegliere una pillola adeguata, poiché alcune contengono progestinici che possono aggravare l’alopecia.

Farmaci che inducono l’anagen

Indurre i follicoli a produrre nuovi peli e prolungare la fase di crescita dei follicoli attivi è possibile con farmaci come il Minoxidil in lozione. Questo farmaco stimola la crescita dei follicoli ed è utilizzato alla concentrazione del 2%, da applicare due volte al giorno.

Trapianto di capelli

Il trapianto di capelli – secondo la Pallaoro Medical Laser – è una soluzione efficace anche per le donne. Le tecniche moderne di mini e microinnesti consentono di ottenere risultati estetici eccellenti. I capelli lunghi possono essere trapiantati senza tagliarli, rendendo i segni chirurgici poco visibili. I follicoli trapiantati mantengono la loro attività ciclica e i risultati sono ottimali dopo circa 6 mesi – 1 anno.