La moda e i difetti delle adolescenti

di Sara Mallia

..dal mondo delle bambole arriva Brats, un film che cambiera’ la moda delle più giovani…

Arriva nei cinema italiani un film per adolescenti ispirato alle Brats – le star della moda – quattro bambole, famose in tutto il mondo. La storia è semplice: quattro ragazze provenienti da ambienti sociali diversi frequentano la stessa scuola e, per diventare più sicure ed emancipate, formano un gruppo unito dalla passione per la moda. Riluttanti al rispetto delle rigide regole della scuola, andranno presto controcorrente con il loro look molto particolare. Cloe, Sasha, Jade e Yasmin sono quattro monelle griffate che passano ogni spensierato giorno insieme, a fare shopping, a parlare dell’ultimo rossetto alla moda e a crogiolarsi davanti allo specchio. A metà tra la parodia del cartone animato e un serial televisivo per teenager, Bratz servira’ da trampolino di lancio per le giovani protagoniste, scelte dal casting tra le migliaia di candidate giunte ai provini ma soprattutto determinera’ fra le adolescenti italiane, come è già avvenuto in altri paesi, nuove tendenze a base di scarpe dai tacchi vertiginosi, lucidalabbra all’ultimo grido e colori appariscenti, ai limiti del trash, musica, urletti, feste e sfilate di moda nei corridoi e nei cortili della scuola. Il film crea pero’ una domanda: per le ragazze di oggi, essere normali e alla moda è davvero impossibile? Un argomento di cui non si può non parlare anche in Istituto, tra un massaggio e una ceretta, fra donne che spesso condividono le stesse preoccupazioni di madre. è difficile infatti consigliare alle proprie figlie quali siano i capi più adatti a dei corpi in evoluzione, partendo dalla considerazione che di norma le donne, soprattutto le più giovani, sono poco consapevoli della loro bellezza ma molto di più dei loro difetti. Quante possono permettersi le minigonne e gli shorts? Per indossare indumenti cosi’ particolari è necessario avere gambe toniche e caviglie sottili, ma non tutte hanno questo privilegio.

giovani e moda

L’alternativa per chi non dispone di gambe da top model? Allungare di qualche centimetro gli orli e puntare su tacchi e zeppe leggere che allunghino la figura senza appesantirla, e su sandali che non si leghino alla caviglia, preferendo quindi quel nude-look tipico di ciabattine e calzature con listini da allacciare dietro al tallone.
Per dare un tocco di colore per i piedi si può scegliere uno smalto particolare. Un altro difetto comune a molte adolescenti sono i fianchi pronunciati e qualche chilo di troppo sul punto vita: mascherarli con colori come il nero, ma anche tonalita’ più decise come il granata, il verde smeraldo, il viola scuro e il blu oltremare, oppure maglie lunghe da portare su jeans e pantaloni, con una vita non eccessivamente bassa e con una cintura sottile. Arriviamo al seno: se è molto abbondante meglio abbandonare le magliette super-accollate, perché accorciano senza pietà la zona spalle-collo, enfatizzando ancora di più il problema.
Evitare le giacchine corte e gli scolli a V che attirano l’attenzione. E se le forme sono ridotte? Una soluzione sono abiti e top che lasciano un po’ scoperta la schiena: originali e attualissimi visto che anche le giovani star di Hollywood spesso indossano abiti coperti davanti che si rivelano scollati dietro. L’importante è avere una schiena all’altezza della situazione, quindi, se necessario, consigliate un peeling levigante. Per le ragazze che fanno sport e vogliono nascondere i muscoli sviluppati delle spalle, evitare top e abiti con bretelline sottili, o a tubo; nel caso opposto suggerite giacche e camicie che attirino l’attenzione sul collo, che sara’ quindi arricchito da ricami, applicazioni di perline e tessuti preziosi. Le super magre: vestire un corpo filiforme può essere complicato, ma vanno evitati gli abiti scuri, meglio i colori chiari, soprattutto dopo qualche lampada solare o qualche giorno al mare.
Se la ragazza ha le gambe davvero magrissime suggeritele di dire addio senza rimorsi a calze stampate e gonne cortissime: meglio una longuette ben portata che una minigonna vuota. Oppure gonne o pantaloni comodi, da arricchire con cinture alte dal gusto vintage da stringere alla vita sottile, divertendosi aggiungendo borse oversize che riempiono le forme, orecchini lunghi di pietre colorate che avvolgono il viso, o collane con tanti pendenti che doneranno movimento a un seno ancora acerbo e poco pronunciato.