45° SIME: l’estetica italiana riempie la Nuvola di Roma

A Maggio si è svolta la 45esima edizione del Congresso organizzato dalla Società Italiana di Medicina Estetica SIME

La quarantacinquesima edizione del Congresso della Società Italiana di Medicina Estetica (SIME), si è tenuto dal 10 al 12 maggio 2024 presso La Nuvola Convention Center di Roma. L’evento, tra i più attesi del settore, ha fatto registrare dei numeri importanti. Sicuramente il cambio di location, più moderna e capiente, ha favorito l’aumento del pubblico, degli specialisti e delle aziende. Nei tre giorni di lavori, gli organizzatori hanno registrato quasi 5000 partecipanti che hanno dato vita a 700 contributi scientifici, tra live session e attività aziendali, 40 workshop, contornati dalla presenza di 150 stand espositivi. Come di consueto, contestualmente al Congresso del SIME si è svolto anche il Congresso dell’Accademia Italiana di Medicina Anti-Aging (AIMAA) giunto alla sua 19° edizione. Il secondo weekend di Maggio ha dunque permesso agli esperti del settore di trattare alcuni significativi temi della Medicina Estetica dedicati alle ultime tendenze di intervento per soddisfare la crescente richiesta di un pubblico sempre più vasto ed esigente. Oltre all’abituale ampio spazio incentrato sui trattamenti antiaging, sull’utilizzo dei filler e della tossina botulinica, molta attenzione è stata posta sul ruolo e sulla centralità dei laser e della rinoplastica tra i trattamenti di chirurgia estetica mentre un focus particolare è stato dedicato al campo della nutrizione e al trattamento dell’obesità. Anche la cosmetologia ha trovato il suo spazio grazie ad alcuni approfondimenti dedicati agli ultimi aggiornamenti in termini di sicurezza nell’utilizzo dei diversi ingredienti delle formulazioni. Di primo livello il contributo apportato dalla Società Italiana di Tricologia (SiTRI) che ha fornito un prezioso ragguaglio tanto sulle metodiche di intervento nel trattamento del cuoio capelluto quanto sulle ultime scoperte in ambito tricologico per ciò che concerne la salute dei capelli e il contrasto alla loro perdita. Insomma, il congresso anche quest’anno ha saputo allargare i suoi orizzonti aprendosi a specialità di confine come quella dermatologica, offrendo ancora una volta una visione a 360° di una disciplina, quella medica estetica, in continuo mutamento e rinnovamento. Maggiormente orientata verso una visione del paziente che va al di là del suo singolo inestetismo ma che trova nel ripristino della sua condizione di benessere psico-fisico globale, il suo motivo di essere. Infine una nota di servizio: visto l’incremento dei numeri e la soddisfazione dei partecipanti, gli organizzatori riapriranno già a luglio le iscrizioni per l’edizione del 2025, che si terrà, a Maggio 2025, dal 16 al 18.